spacer.gif spacer.gif spacer.gif spacer.gif spacer.gif spacer.gif spacer.gif spacer.gif spacer.gif
HeaderLeft.gif HeaderTop3.gif HeaderTop2.gif spacer.gif
27 Lug 2017 
spacer.gif
spacer.gif spacer.gif Rianto spacer.gif
BannerTop.gif Logo spacer.gif
BannerLeft.jpg Intestazione BannerRight.jpg spacer.gif
BannerBott.jpg spacer.gif
HeaderBottbg.jpg spacer.gif
Menu principale

On-line

Abbiamo
1 ospite e
0 utenti online

Sei un utente non registrato. Puoi fare il login qui o puoi registrarti gratuitamente cliccando qui.



Login utente
Utente
Password
Ricordami


Non hai ancora un account? Puoi crearne uno qui gratuitamente.



presentazione
FABBRI IN PIAZZA
Forgiatura dal vivo in estemporanea
L'espressione del ferro (Mostra personale di Davide Caprili)
Savignano sul Rubicone 13 - 15 dicembre 2013

Il Natale di Savignano, località della provincia di Forlì-Cesena, molto vicina a Rimini, prende l’avvio da sempre con la tre giorni di festeggiamenti in onore di Santa Lucia,  protettrice del paese, che comprendono, oltre alle celebrazioni religiose, la Sagra del Torrone con i tre golosi mercati, in cui si possono gustare e acquistare  torroni, formaggi, salumi, vini e gastronomia; il mercato ambulante di Santa Lucia e il mercato dell’artigianato natalizio con hobbisti e artigiani.
Le vie di Savignano sono animate da artisti di strada, giocolieri e fuochiste; da musica dal vivo e da tante suggestive attrazioni, che rendono fiabeschi i tre giorni di eventi, soprattutto (ma non solo) agli occhi dei bambini, cui è dedicato l’angolo dal titolo “Il Regno Incantato” e un divertente calendario di spettacoli.
Nei giorni 13, 14 e 15 dicembre 2013 è stata organizzata, sempre a Savignano, nella sede della “Vecchia Pescheria” di corso Vendemini, 5, anche un’interessante personale – intitolata “L’espressione del ferro” – dell’artista Davide Caprili, talentuoso realizzatore di opere fabbrili di intensa espressività, come la maschera in ferro, raffigurante “Oloferne”, o il soave “Viso di donna”, o, ancora, il delicato “Passi di danza”.
Del percorso espositivo di Caprili facevano parte anche bozzetti, disegni preparatori, prove d’artista e una sezione fotografica, in cui sono stati immortalati momenti del lavoro in laboratorio, come la progettazione e la forgiatura del ferro, o il lavoro all’incudine.La personale di Caprili, nella sua elegante semplicità, ha riscosso un ampio consenso da parte della critica e l’attenzione da parte di un pubblico, affascinato dal senso di vitalità delle sculture esposte, che fa dimenticare la dura e fredda materia di cui sono fatte.
Davide Caprili, che ha avuto come principali Maestri il belga Michel Mouton e l’italiano Claudio Bottero, può considerarsi non solo un emergente, capace di opere di grande bellezza, ma anche una promessa mantenuta della forgiatura artistica.
Sono senz’altro condivisibili le parole dello stesso Caprili, secondo cui l’intento della personale “è mostrare l’evoluzione e la trasformazione del ferro nel tempo, mediante l’acquisizione di nuove tecniche di forgiatura e lo studio dei vari soggetti”. E davvero il Maestro Caprili può vantare una prestigiosa evoluzione del proprio stile artistico, ammirata anche alla tre giorni savignanese.

In concomitanza con la Fiera di Santa Lucia e l’esposizione delle opere di Caprili, si è svolta a Savignano la terza edizione di un’ estemporanea di forgiatura in piazza, promossa dal Maestro Caprili di concerto con l’organizzazione “Savignano Eventi”, che ha avuto inizio la mattina del 13 dicembre, con la finalità di realizzare una mano di grandi dimensioni (circa 4 metri di altezza) con sopra un dado : opera evocativa del celebre episodio storico del 10 gennaio del 49 a.C., allorché – secondo Svetonio – l’Imperatore romano Caio Giulio Cesare, gettando un dado nelle acque del fiume Rubicone, pronunciò la nota frase “Alea Iacta Est”, motto, proverbiale già presso gli antichi, che si suole ripetere tuttora nell’intraprendere un’azione irrevocabile.
Caprili, componente dell'Associazione Italiana Fabbri d'Arte, è stato l’ideatore e l’autore del disegno della mano con il dado, realizzata dai Maestri fabbri, partecipanti all’estemporanea.
Il laboratorio è stato allestito in piazza Amati e a
lla realizzazione dell’imponente opera hanno partecipato più di 20 fabbri/artisti, giunti da ogni parte d’Italia, ospitati cordialmente e con garbo inappuntabile dagli Organizzatori dell’evento in rassegna.
Gli artisti del ferro, partendo dall’intelaiatura della mano, assemblata dal Maestro Caprili nella propria officina, si sono avvicendati, lavorando a coprire con lamiere l’intera superficie della stessa, evidenziandone i tratti caratteristici, come unghie, polpastrelli e linee.
I lavori hanno avuto un ritmo incalzante e sono stati attentamente supervisionati da Caprili, il quale – magistrale coordinatore – ha assegnato ad ogni partecipante il compito da svolgere, consentendo comunque a ciascuno di trovare il tempo per ammirare le bellezze architettoniche della località, come
il ponte romano, posto all'ingresso del centro storico del paese, o il "Petrone", resto di un'antica tomba; o la via Pulida, antico tracciato centuriate; o le fornaci protostoriche.
Neppure la c.d. “protesta dei forconi”, che ha acceso gli animi proprio in quei tre giorni dell’evento savignanese, ha  fatto scemare l’entusiasmo dei visitatori e i Maestri fabbri (‘capeggiati’ da Franco Melis), a riprova che l’arte non sempre si astrae dalla realtà, hanno anche realizzato un forcone.
Non sono, poi, mancati momenti didattici, in cui giovanissimi del pubblico si sono cimentati nell’arte fabbrile, sotto l’attenta guida dei Maestri della forgiatura.
Sono stati, altresì, realizzati piccoli e pregevoli manufatti in ferro, come un angelo da Giovanni Piccolo; una rosa da Giuseppe Pelleriti; una figura femminile da Andrea Cosci; un volo di uccelli da Giuseppe Agosta; una foglia di calla da Massimiliano Benvenuti; un batacchio per portone, raffigurante un drago bicefalo, da Gabrio Grilli ed Evancio Girelli; una calla da Franco Melis; una penna con calamaio da Antonino e Francesco Crisafulli.
Nel pomeriggio di domenica, la grande mano con il dado è stata terminata e, alla presenza delle Autorità cittadine,  Sindaco in primis, sono state scattate le foto di rito a perenne ricordo dell’entusiasmante avventura savignanese.
Da annotare infine che il consenso dei visitatori a questo evento è stato più ampio rispetto alle precedenti edizioni e si auspica che l’imperdibile manifestazione venga riproposta anche negli anni a venire.                                                                                                                                                                                                                                                   

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       Antonello Rizzo



VEDI LE FOTO 



DISEGNO DELL'OPERA


Footerdot.gif
Editoria specializzata in arte-artigianato    


Sito creato da Alcad Crediti Powered by MDPro