spacer.gif spacer.gif spacer.gif spacer.gif spacer.gif spacer.gif spacer.gif spacer.gif spacer.gif
HeaderLeft.gif HeaderTop3.gif HeaderTop2.gif spacer.gif
27 Lug 2017 
spacer.gif
spacer.gif spacer.gif Rianto spacer.gif
BannerTop.gif Logo spacer.gif
BannerLeft.jpg Intestazione BannerRight.jpg spacer.gif
BannerBott.jpg spacer.gif
HeaderBottbg.jpg spacer.gif
Menu principale

On-line

Abbiamo
1 ospite e
0 utenti online

Sei un utente non registrato. Puoi fare il login qui o puoi registrarti gratuitamente cliccando qui.



Login utente
Utente
Password
Ricordami


Non hai ancora un account? Puoi crearne uno qui gratuitamente.



presentazione
IX BIENNALE INTERNAZIONALE DI ARTE FABBRILE

San Marco d'Alunzio (Me) 15 - 16 - 17 agosto 2014

OPERE PREMIATE

VEDI LE FOT

La biennale di San Marco d’Alunzio, antica contea incastonata sui Nebrodi occidentali, prende il via lo stesso giorno della rievocazione storica della consegna delle chiavi della città al conte Riccardo Filingieri da parte del Re Alfonso: 15 agosto 2014.
Questa edizione, la IX, è stata organizzata dopo un anno di pausa, diventando a tutti gli effetti una biennale come quelle di Bienno, Pozzonovo e Stia. Anche quest’anno, come le precedenti edizioni, gli organizzatori hanno offerto ospitalità agli artisti partecipanti per tutta la durata del concorso. Per finanziarsi, a causa della spending review nazionale, hanno escogitato un sistema antico ma nuovo per le manifestazioni, mettendo in palio 10 opere in ferro realizzate da alcuni soci dell’Associazione e vendendo i biglietti ai visitatori. Alle fine hanno estratto 10 biglietti e 10 persone si sono aggiudicate la scultura abbinata. Un sistema semplice che ha dato un contributo alle casse dell’organizzazione e, forse, potrà consentire il prosieguo della manifestazione.
Nell’antica chiesa sconsacrata dedicata a Maria SS. Dei Poveri, i partecipanti hanno esposto alcune opere tra le più recenti realizzate, tutte molto belle, che hanno suscitato stupore tra i visitatori, soprattutto quelle di Giovanni Rotondo che, con la sua personalissima tecnica, riesce a far sembrare specchio ciò che in realtà è ferro.

La competizione vera e propria inizia la mattina del sabato e, a turni di tre ore termina il pomeriggio della domenica; in tutto vengono realizzate 22 opere e la giuria, formata da 2 tecnici 2 architetti ed 1 rappresentante del comune di San Marco, inizia il difficile compito di valutare le opere realizzate e proclamarne i vincitori; al termine così si è espressa:

1° premio Alvaro Ricci Lucchi con l’Opera “Il tramonto del cigno”

2° premio Giampaolo Maniero con l’Opera “Guerriero”

3° premio Davide Caprili con l’Opera “Anid”

Un premio speciale della giuria viene assegnato ad un giovane siciliano: Antonino Dilettoso con l’Opera “Trinacria”
C’è un premio anche per un’opera realizzata dal gruppo multireggionale formato da: Caprili (dalla Romagna) – Maniero (dal Veneto) – Ricci (dallEmilia) – Schepis (Dalla Sicilia), dedicata alla vittoria di un siciliano al tour de France: Vincenzo Nibali dal titolo “Un Siciliano a Parigi”


Rimane da annotare che, contrariamente a quanto avviene in altre manifestazioni, si è svolto tutto in un clima festaiolo all’insegna della collaborazione e senza discutere sulle scelte della giuria, un segnale questo di grande maturità.

 

Antonello Rizzo.



Composizione della giuria:

- M. Giovanni Rotondo (Presidente di giuria)
- M. Carmelo Carmeni
- Arch. Francesco Brancatelli
- Arch. Antonino Saporito
- Cesare Monastra (Presidente del consiglio di San Marco d'Alunzio)












Footerdot.gif
Editoria specializzata in arte-artigianato    


Sito creato da Alcad Crediti Powered by MDPro