spacer.gif spacer.gif spacer.gif spacer.gif spacer.gif spacer.gif spacer.gif spacer.gif spacer.gif
HeaderLeft.gif HeaderTop3.gif HeaderTop2.gif spacer.gif
21 Nov 2017 
spacer.gif
spacer.gif spacer.gif Rianto spacer.gif
BannerTop.gif Logo spacer.gif
BannerLeft.jpg Intestazione BannerRight.jpg spacer.gif
BannerBott.jpg spacer.gif
HeaderBottbg.jpg spacer.gif
Menu principale

On-line

Abbiamo
1 ospite e
0 utenti online

Sei un utente non registrato. Puoi fare il login qui o puoi registrarti gratuitamente cliccando qui.



Login utente
Utente
Password
Ricordami


Non hai ancora un account? Puoi crearne uno qui gratuitamente.



presentazione
FERRO E FUOCO
2^ RASSEGNA INTERNAZIONALE DI ARTE FABBRILE
Piazza S. Maria Maggiore - Città di Castello - Pg
1 - 2 - 3 Giugno 2012

VEDI LE FOTO


             

Nella splendida cornice di Città di Castello (Pg), situata in Umbria sull'Appennino centrale al confine con le regioni di Toscana, Emilia Romagna e Marche, si è svolto per il secondo anno consecutivo un incontro tra artisti del metallo, per dare vita ad una scultura in ferro che ricordasse una antica attività lavorativa della città: la raccolta del tabacco. Promotore dell'evento è l'artista Gabrio Grilli, uno degli ultimi discendenti dei fabbri che hanno dato lustro con le loro opere in ferro a Città di Castello grazie al quale, soprattutto per il suo impegno e  per le sue conoscenze, è stato possibile far intervenire artisti del ferro, non solo dalle regioni confinanti, ma anche dalla Lombardia, dal Veneto, dal Lazio e persino dall'Austria.
Tra gli invitati, spiccava la presenza dell’Artista bresciano Giuseppe Bonometti che, con le sue opere raffiguranti scene di vita dotate di un’impressionante verismo, ha suscitato ammirazione e sbalordimento, dando ulteriore lustro alla manifestazione.
La realizzazione del disegno è stata affidata al Fabbro/Artista cesenate Stefano Fagioli, che ha abbozzato un disegno da ultimare, con la collaborazione di tutti gli invitati, poco prima dell'inizio della forgiatura. L'opera da eseguire rappresenta una pianta di tabacco a cui è avvinghiato uno stelo, che termina con il profilo di una testa umana, sulla cui fronte è situata una bandana ed una foglia di tabacco: "La Tabacchina". L'Opera simboleggia uno dei mestieri che, per molti anni, ha dato lavoro a molte donne della zona, contribuendo in maniera determinante allo sviluppo della città. Solo cinquant'anni fa, il mestiere di "tabacchina", rappresentava uno status elevato molto ambito, che permetteva a chi lo possedeva di condurre una vita agiata. Oggi, con il progredire delle tecnologie questa figura non esiste più, ma vuole essere ricordata alle generazioni future, per il contribuito dato allo sviluppo sociale di questa zona dell'Italia centrale.
I lavori sono iniziati la mattina del sabato, dopo aver deciso la forma definitiva dell'opera. Ad ogni partecipante è stato assegnato un compito ed in breve tutte le forge hanno preso vita, profondendo nell'aria circostante il caratteristico odore di carbone, a cui ha fatto seguito il tintinnio dei martelli col compito di modellare lo scontroso metallo.
A margine della manifestazione, è stato deciso di realizzare anche delle piccole sculture in ferro da mettere all'asta per destinarne il ricavato alla popolazione dell'Emilia, che in queste ore sta patendo gli effetti nefasti di un interminabile terremoto. In qualità di testimone e rappresentante di questa tragedia, è stato invitato il  Fabbro/Artista Giuseppe Gatti di San Felice sul Panaro, uno dei luoghi maggiormente colpiti da sisma. Anche se non ha subito danni di grave entità, ha comunque vissuto tutti i giorni delle scosse e ci ha ampiamente fatto partecipi delle reali condizioni di uno "sfollato" e di come si possa apprezzare una cosa insignificante come quella di andare a letto ed addormentarsi senza il timore di sentire, da un momento all'altro, uno scuotimento improvviso, che metta a dura prova la resistenza fisica e psichica di tutti.
I martelli hanno continuato, per tutti i due giorni della manifestazione, a modellare le varie parti della scultura che, nel primo pomeriggio della domenica,  ha potuto essere ammirata dal pubblico presente. Purtroppo, per questioni a me sconosciute, non è stato possibile svolgere l'asta di beneficenza per le zone terremotate e tutte le opere realizzate per questo scopo sono rimaste sul tavolo con grande rammarico di tutti. Qualcuno ha proposto l'idea di fotografarle e metterle in vendita sul web, affinché si possa realizzare lo scopo a cui erano originariamente destinate.
Io personalmente voglio sperare che gli organi preposti adempino a questo impegno.
Antonello Rizzo



partecipanti e opera realizzata

 
PARTECIPANTI ALLA MANIFESTAZIONE

AQUINO JOSE' Roma
AQUINO LAZZARO Roma
ARISTEI MARCELLO Todi (Pg)
BENVENUTI MASSIMILIANO San Miniato (PI)
BONANNI LUCA Calci (PI)
BONOMETTI GIUSEPPE Gussago (Bs)
BONOMETTI DAVIDE Gussago (Bs)
BRANCORSINI GIANNINO  Pesaro (PU)
CALLERI PAOLO Stia (Ar)
CAMPIDONICO ILIO Orbetello (Gr)
CAPRILI DAVIDE Savignano (FC)
COLI ALESSANDRO
San Gimignano (SI)
CONVENTO SERGIO Vazzola (Tv)
DI BARI ALESSANDRO Città di Castello (Pg)
FAGIOLI STEFANO Cesena (FC)
GATTI GIUSEPPE S.Felice sul Panaro (Mo)
GIRELLI EVANCIO Pietralunga (Pg)
GORLAGHETTI LUCIANO Opera (Mi)
GRILLI GABRIO Città di Castello (Pg)
GUNTER KUCHTA Bevagna (Pg)
RIZZO ANTONELLO Lecce
TANFI MICHELE Ca' di Buffa (Ar)
TARLINI ITALO Scarperia (Fi)
TOMASIN LETIZIA Vazzola (Tv)
TRABALZA FILIPPO Bevagna (Pg)
VANASEK ROBERT Vienna (Austria)

Footerdot.gif
Editoria specializzata in arte-artigianato    


Sito creato da Alcad Crediti Powered by MDPro