spacer.gif spacer.gif spacer.gif spacer.gif spacer.gif spacer.gif spacer.gif spacer.gif spacer.gif
HeaderLeft.gif HeaderTop3.gif HeaderTop2.gif spacer.gif
27 Lug 2017 
spacer.gif
spacer.gif spacer.gif Rianto spacer.gif
BannerTop.gif Logo spacer.gif
BannerLeft.jpg Intestazione BannerRight.jpg spacer.gif
BannerBott.jpg spacer.gif
HeaderBottbg.jpg spacer.gif
Menu principale

On-line

Abbiamo
1 ospite e
0 utenti online

Sei un utente non registrato. Puoi fare il login qui o puoi registrarti gratuitamente cliccando qui.



Login utente
Utente
Password
Ricordami


Non hai ancora un account? Puoi crearne uno qui gratuitamente.



presentazione
A FERRO E FUOCO
CALCI, 28 - 29 MAGGIO 2011

VEDI LE FOTO


             

Calci è una piccola città in provincia di Pisa, con una tradizione fabbrile che esiste sin dal 1750, iniziata da Adamo Destri e tramandata da padre in figli sino ai giorni nostri. Ancora oggi, Egisto Destri, pronipote di Adamo, alla veneranda età di ottantacinque anni, ha partecipato seppur in maniera simbolica alla forgiatura in programma (al centro della foto con il martello in mano). Promotori di questa manifestazione sono i fabbri che si sono formati nell'antica fucina di Egisto Destri, tra i quali anche due suoi figli, Fabio e Graziano Destri, e Luca Bonanni, uno dei più promettenti allievi della storica fucina Destri. Oggi sono tutti titolari di prestigiose officine fabbrili specializzate nella forgiatura dei metalli. Il progetto è quello di far diventare, nel tempo, la città di Calci una delle città europee del ferro. Questa prima manifestazione prevede la realizzazione di una scultura in ferro/vetro/pietra da dedicare ai Garibaldini calcesani che parteciparono alle battaglie risorgimentali. L'Opera è stata forgiata in piazza dai fabbri presenti  e poggiata su un basamento in pietra realizzato da Maurizio Bertolini. Essa, inoltre,  conterrà un particolare in vetro realizzato dalla ditta "Rober Glass". I lavori della forgiatura iniziano la mattina del sabato, dopo una breve presentazione del progetto e l'assegnazione dei compiti da parte dell'ideatore dell'Opera Luca Bonanni.  Si parte da pezzi di lamiera da 25mm tagliati al laser che rappresentano il corpo, la testa e le mani di un soldato garibaldino, intento a conficcare al suolo l'asta della bandiera nazionale recante al suo interno il numero 150. Tutte le parti che compongono la scultura devono subire un trattamento di fucinatura a caldo per conferire plasticità e volume alla scultura in questione; la bandiera, che sarà realizzata in vetro, ha bisogno di una doppia cornice interamente battuta a caldo e tenuta assieme da una chiodatura ai quattro angoli. Quest'ultima sarà poi fissata all'asta portabandiera, sempre a mezzo di chiodatura. I lavori procedono alacramente per tutta la giornata, interrotti solo da una breve pausa pranzo e dall'arrivo nel pomeriggio di un artista di strada che, con le sue evoluzioni all'interno di un cerchio, ha strappato gli applausi del pubblico presente e degli artisti del ferro. Alla fine della giornata, seppur con qualche piccolo contrattempo risolto dall'ingegnoso Luca Bonanni, i pezzi che comporranno la scultura prendono la loro forma definitiva e sono tutti pronti per essere assemblati. Il secondo giorno è quindi  dedicato all'assemblaggio dell'opera ed alcuni dei fabbri presenti, sensibili alle grazie femminili, decidono di invitare nella zona della forgiatura due ragazze presenti tra il pubblico, per far loro provare l'emozione di dare forma ad un pezzo di ferro incandescente. Si tratta della compagna di un fabbro, presenti alla manifestazione come pubblico e di una giovane dipendente di un'azienda produttrice di ferro battuto, "Lecky", presente alla manifestazione in qualità di sponsor. Le due ragazze sono molto attente a destreggiarsi tra incudini, martelli e ferro rovente e, osservando l'espressione del volto, molto emozionate per l'esperienza che stanno vivendo. Nel primo pomeriggio, la scultura è pronta ad essere posizionata a fianco del portone d'ingresso del Comune, sul piedistallo in pietra appositamente preparato ed essere offerta alla visione ed alla critica di tutti.
Potete vedere tutte le foto dell'evento, cliccando  quì

EGISTO DESTRI (al centro con il martello in mano)

 
PARTECIPANTI ALLA MANIFESTAZIONE

AGOSTA GIUSEPPE Mascalucia (CT)
BASILICO FRANCESCO Solaro (MI)
BENVENUTI CLAUDIO Calci (PI)
BENVENUTI MASSIMILIANO San Miniato (PI)
BONANNI LUCA Calci (PI)
BRANCORSINI GIANNINO  Pesaro (PU)
CAPRILI DAVIDE Savignano (FC)
COLI ALESSANDRO
San Gimignano (SI)
COSCI ANDREA Firenze
DESTRI FABIO Calci (PI)
DESTRI GRAZIANO Calci (PI)
FAGIOLI STEFANO Cesena (FC)
GIORGI GIANMATTEO Calci (PI)
IMPERATORE DIEGO Vodo di Cadore (BL)
MUSARRA ROBERTO San Marco d'Alunzio (ME)
PELLERITI GIUSEPPE Falcone (ME)
TERMINI ROSARIO Licata (AG)
ZUMBINO ANTONINO S.Salvatore di Fitalia (ME)

Footerdot.gif
Editoria specializzata in arte-artigianato    


Sito creato da Alcad Crediti Powered by MDPro